inbound marketing per professionisti e piccole imprese

Inbound Marketing: Serve davvero a Professionisti, Piccole imprese e Start Up?

Al momento, il tema principale è spesso chiarire anzitutto cos’è l’Inbound Marketing prima ancora che definirne la sua utilità.

Procediamo quindi per gradi…

Oggi la creazione e la gestione di un’attività professionale o di una piccola impresa sono difficili ed emozionanti in uguale misura. Questo accade per le difficoltà dei vari mercati e per l’elevata competizione presente in tutti i settori.

Questo livello di competitività comporta la necessità di promuovere il tuo business per far arrivare il tuo “messaggio unico e differenziante” al tuo target di riferimento (il tuo cliente ideale). Oggi è importante riuscire a fare questo come non mai!

Nella mia attività di Consulenza, rilevo quotidianamente quanto spesso per Start up, Professionisti e Piccole Imprese il marketing sia una sfida enorme. Spesso lo è anche per la mancanza di un’ampia base di clienti e per l’assenza di prospect (potenziali clienti) con cui “dialogare”.

Vista così, la pubblicità “tradizionale” dovrebbe essere una necessità assoluta per far sapere che esisti e chi sei. In realtà, se hai soldi e risorse limitate, come spesso accade, ecco che l’Inbound Marketing diventa una possibilità estremamente interessante.

Qual è la differenza sostanziale tra pubblicità tradizionale ed Inbound Marketing?

 

Per fartela semplice, la pubblicità tradizionale “spinge” il cliente a fare qualcosa (acquistare, cliccare, contattarti, …) mentre il fine dell’Inbound Marketing è di attrarlo, affinché faccia qualcosa. Ci sei?

La pubblicità tradizionale (volantini, radio, televisione, giornali, riviste, …) agisce quindi essenzialmente su potenziali clienti generici e assolutamente sconosciuti, invece tutto ciò che ruota intorno al marketing digitale (sito, web, fan pages, e-mailing, …) tende a colpire un pubblico inevitabilmente più profilato o i clienti già acquisiti.

L’Inbound Marketing è invece focalizzato sull’ottenere l’attenzione del proprio target di riferimento (il tuo cliente ideale) attraendolo con la creazione di Contenuti che lui considera utili e di Valore.

Questo al fine di far sì che si interessi a te per le tue qualità o competenze e che, nella migliore delle ipotesi, oltre che ad usufruire dei tuoi prodotti/servizi/soluzioni diventi (prima e/o dopo) un tuo “fan” e che lo dimostri referenziandoti o apprezzando/condividendo i tuoi contenuti.

Ho reso l’idea?

Potremmo quindi definire l’Inbound Marketing come una strategia che si basa sul “guadagnare” l’interesse del tuo potenziale cliente anziché “acquistarlo”.

Di conseguenza, l’Inbound Marketing non è tutto ciò che serve ad aiutare i tuoi potenziali clienti a trovarti on-line ma, più propriamente, una combinazione di SEO (ottimizzazione del tuo sito web per i motori di ricerca), Copy (la modalità di comunicazione con cui proponi i contenuti attraverso i post di un blog o una landing page), Social Media e, soprattutto, Contenuti di elevato Valore per attirare prospect verso il tuo sito web.

Una corretta strategia di Inbound Marketing deve quindi concentrarsi sul valore aggiunto che è in grado di fornire, essendo di concreto aiuto e utilità al tuo target di riferimento.

L’Inbound Marketing potrebbe quindi essere, in linea di principio, in netto contrasto con qualsiasi strategia di Outbound Marketing (pubblicità massiva, vendite promozionali, direct mailing, …), cioè tutte quelle strategie che tendono ad “interrompere” le attività anche di persone che non sono necessariamente interessate ai tuoi prodotti/servizi/soluzioni.

I Vantaggi dell’Inbound Marketing

 

L’Inbound Marketing può essere uno “strumento” molto efficace all’interno di una Strategia di Marketing, perché tende a generare un rapporto più umano pur trattandosi di interazioni di business. Infatti, tende ad incoraggiare il contatto, la condivisione e il coinvolgimento tra te e i tuoi potenziali clienti.

Inoltre, l’Inbound Marketing può certamente essere considerato più economico di qualsiasi altra attività di marketing tradizionale ma… necessità di tempo e d’impegno.

Non c’è nulla di semplice e banale intorno all’Inbound Marketing (chi ti dice il contrario ti racconta balle…), puoi stare certo che richiede un certo sforzo. Tuttavia, una strategia di Inbound Marketing, se attuata correttamente, è come investire in Borsa su un’Azione che pagherà nel tempo un lauto dividendo.

Sono riuscito a farti comprendere il concetto?

Ok, tutto chiaro, ma l’Inbound Marketing fa al caso mio? Come faccio a capirlo?

 

L’Inbound Marketing è già un elemento di successo per molte realtà sia professionali sia aziendali, sia in ambito B2B (business to business) che in ambito B2C (business to consumer).

Credo quindi fermamente che chiunque possa utilizzare l’Inbound Marketing per promuovere se stesso (io ne sono un caso lampante non credi…) o i suoi prodotti/servizi/soluzioni, anche e soprattutto Start Up, Professionisti e Piccole Imprese… a patto che si trovi il giusto mix tra strumenti e tattiche sia per te sia per il target di clienti che desideri attrarre.

Principali Strategie e strumenti di Inbound Marketing per Start Up, Professionisti e Piccole Imprese

 

“Non importa sostanzialmente la forma, il Contenuto di Valore è il fondamento essenziale di qualsiasi strategia di Inbound Marketing vincente”

Proprio così, l’Inbound Marketing è una combinazione di strumenti, tattiche e canali di comunicazione certo… che però devono ruotare essenzialmente intorno a Contenuti di Valore e… fai bene attenzione… che sia di Valore o meno, non lo decidi tu… lo decidono i tuoi potenziali clienti!

Il Contenuto di Valore è quindi il vero Re dell’Inbound Marketing. Il Contenuto di Valore è la chiave per convincere i tuoi potenziali clienti a parlare con te o di te. Il Contenuto con la C maiuscola è ciò che può e deve attrarli verso il tuo sito (o il tuo blog).

Se disponi di questi Contenuti o sei in grado di crearli, Contenuti essenziali per attivare un’efficace strategia di Inbound Marketing, allora la creazione di un blog (personale, professionale o aziendale) può essere il modo migliore per aiutare il tuo business a decollare. Il blog infatti, può diventare il nodo centrale di tutte le tue attività di Inbound Marketing.

Perché?

In primo luogo perché è uno spazio che tu possiedi!

I social network sono grandi piattaforme, in gradi di ospitare molte persone, ma tu non possiedi quegli spazi, li puoi solo “affittare”. Di conseguenza, se devi investire tempo e denaro per portare un potenziale cliente da qualche parte, non credi sia meglio portarlo a casa tua? Un luogo dove tu hai tutto sotto controllo…

Chiarito ciò, bada bene che tra le tante idee sbagliate che circolano circa il fare blogging, ci sono anche quelle che dovresti postare ogni giorno, oppure fare post compresi tra le 300 e le 500 parole, mentre altri dicono che se non sono almeno 1400 parole un post non vale niente…. e così via…

Di nuovo, sono solo teorie… ciò che conta è la qualità del Contenuto, conta ciò che meglio va incontro alle esigenze dei tuoi potenziali clienti.

Se il tuo pubblico di riferimento è in grado di rispondere meglio alle immagini o ai video, ecco che ti servirà creare un blog che è molto visivo e si avvale di interessanti fotografie e di video di alta qualità. Una tonnellata di testo, in questo caso, non solo non ti servirebbe a nulla ma otterresti l’effetto contrario.

Un efficace business blog è quello che si crea intorno ai (e per i) tuoi potenziali clienti. L’obiettivo è sempre quello di creare contenuti originali, utili e di Valore per il tuo target di riferimento, affinché quest’ultimo sia invogliato a leggere, apprezzare, commentare, condividere o che se li “tenga ben in vista” per tornarci più volte.

Come si integra tutto questo con i Social Network?

Il social networking è un’altra chiave tattica dell’Inbound Marketing. Per avere successo attraverso i social network devi però costruire un seguito di fan, una comunità che deve essere attiva intorno a te.

I social network possono aiutarti ad “amplificare” ciò che fai, ma solo se puoi mantenere le prerogative di cui sopra, sono il partner ideale per il tuo blog.

La chiave però, è che tu scelga con attenzione i social network che sono congruenti a ciò che tu fai e ciò che fanno i tuoi potenziali clienti.

Non c’è, infatti, alcun valore aggiunto nel creare un’imponente presenza su Facebook se la maggior parte dei tuoi potenziali clienti è su LinkedIn. Allo stesso modo, inutile investire tempo e denaro per essere visibili su Google+ o Instagram se puoi ottenere molto di più operando su Twitter. Scegli solo i social network che meglio si adattano a te, al tuo brand e, soprattutto, ai tuoi potenziali clienti.

E quindi la SEO (Search Engine Optimization) mi serve o no per l’Inbound Marketing?

 

La ricerca, cioè il modo in cui trovare qualcosa o qualcuno sul web utilizzando i motori di ricerca come Google o Bing, per scoprire, raccogliere e filtrare le informazioni è (e ancora sarà) una delle attività preminenti online (insieme ovviamente alla posta elettronica).

Attualmente, ci sono ben più di tre miliardi di ricerche al giorno su Google e la ricerca è, sempre per più persone, il modo più semplice e veloce per trovare prodotti/servizi/soluzioni. Un’elevata percentuale di persone si fida quindi dei risultati che appaiono sul suo monitor o sul suo smartphone quando cerca qualcosa online.

I motori di ricerca quindi sono e saranno ancora un buon modo per portare visitatori profilati o qualificati (o quantomeno un traffico mirato) sul tuo blog o sul tuo sito web.

Non a caso, le medie e grandi aziende continuano a incrementare i budget destinati ai messaggi pubblicitari che appaiono sui motori di ricerca. Tuttavia, Start Up, Professionisti e Piccole imprese hanno spesso risorse limitate.

Di conseguenza…

Come fai a renderti visibile senza investire cifre folli per annunci a pagamento che risultano sempre più spesso poco efficaci?

 

Sì, risultano poco efficaci anche perché c’è una sempre più vasta categoria di persone che salta gli annunci a pagamento e guarda solo i risultati reali della ricerca…

SEO quindi vuol dire garantire al tuo blog o al tuo sito che sia progettato e strutturato in modo tale da consentire ai visitatori di trovare celermente e con successo le informazioni che desiderano su di te o sui tuoi prodotti/servizi/soluzioni. Questo tra l’altro aiuta molto a prendere decisione di “acquisto” con maggiore tranquillità.

Il tuo obiettivo è quindi quello di fare della SEO affinché tu riesca a comparire nei risultati di ricerca per parole chiave specifiche, relative a te stesso, al tuo “brand”, ai tuoi prodotti/servizio/soluzioni grazie allo sviluppo di una presenza online ricca di Contenuti di Valore, coinvolgente e significativa, per il tuo target/mercato di riferimento.

Tutto chiaro sin qui?

Bene, se la ricerca equivale a scoprire, la scoperta dovrebbe portare alla condivisione.

Con la crescita del vario social media, accade sempre più spesso che i risultati di ricerca delle persone inizino a risentire delle loro attività on line, anche quindi di quello che fanno sui vari social. I social media quindi influenzano i motori di ricerca.

Ad esempio, se fai una determinata ricerca su Google, i risultati che ne ottieni possono essere influenzati dai tuoi account e contatti Twitter oltre che da quelli su Google. Certo privacy e cookie pongono limiti a questa possibilità ma è comunque meglio che tu ne tenga conto perché questo ha vanificato l’efficacia di molte tecniche di SEO, rendendole di fatto inefficaci.

Anche alla luce di quanto sopra, Google cerca e privilegia la qualità dei Contenuti. Devi aver chiaro che Google sostanzialmente pensa che, se molti mettono un “mi piace” o, ancor meglio, se condividono un tuo contenuto, sia normale (sulla base delle parole chiave e delle frasi usate in una ricerca) premiarti nella classifica di apparizione dei risultati di ricerca.

Ne consegue che più il blog o il tuo sito sono rilevanti per un pubblico particolare, più Google ti premierà.  Motivo in più questo, per pensare all’Inbound Marketing.

Tutto chiaro! E quindi l’e-mail marketing come si inserisce il tutto questo?

 

Purtroppo l’e-mail marketing viene spesso non utilizzato, utilizzato male o trascurato. Nonostante questo, l’email marketing rimane uno degli strumenti di inbound marketing che può risultare più efficace per Start Up, Professionisti e Piccole Imprese.

Per farla breve, obiettivo dell’e-mail marketing è di inviare messaggi interessanti ad una lista specifica di persone su base possibilmente ma non necessariamente regolare.

Come per tutte le altre forme di inbound marketing, l’e-mail marketing deve aiutarti a sviluppare un rapporto con i tuoi potenziali clienti, offrendo sempre e comunque Contenuti di Valore.

Se fai e-mail marketing oggi solo per “vendere”… finirai presto nello spam o riceverai molte cancellazioni e opinioni negative.

L’email marketing ha il vantaggio di essere semplice da implementare e se lo fai con gli strumenti gusti, i risultati sono anche facili da analizzare.

Va bene, va bene… ora Concludo!

Credo che l’Inbound Marketing possa essere assolutamente utile a Start Up, Professionisti e qualsiasi Piccola Impresa.

Ritengo infatti che, creando la giusta Strategia di Marketing / Inbound Marketing, usando i Social Media più efficaci sul target di riferimento, la SEO per la ricerca, l’email marketing e, solo se necessario, facendo un po’ di push (SEM – Search Engine Marketing) con adeguati messaggi pubblicitari usando Google AdWords e/o Facebook Ads (sempre funzionalmente al target che si intende colpire)…

se sei una Start Up, un Professionista o guidi una Piccola Impresa, a prescindere dal prodotto / servizio / soluzione che proponi, puoi e devi per il bene e lo sviluppo futuro del tuo business, iniziare ad attrarre i tuoi potenziali clienti (sul tuo blog o sito web), impegnandoti principalmente nel creare Contenuti di Valore, utili e di rilevante interesse per i tuoi potenziali clienti.

Esattamente come penso che, se quello che hai letto sin qui è stato di tuo interesse e se sei uno Startupper, un Professionista o il proprietario di una Piccola Impresa, valuterai ora molto attentamente i Contenuti di Valore del nostro Corso: Innovative Web Marketing.

Ti aspettiamo in aula! 😉

Fabrizio Diluca

Fabrizio Diluca Linkedin  Fabrizio Diluca Twitter  facebook-fabrizio-diluca

 

Condividi su

16 commenti

  1. Andrea Salerno

    ho capito cos’è … e ho capito anche (ahimè) quanto mi serve… ottimo post Fabrizio, complimenti!
    Andrea

  2. Fabrizio, lei dice sempre con chiarezza come stanno le cose. Alla sua etica voto 10. Continui così.
    Dario

  3. Da libera professionista sembra quasi che tutto questo non faccia parte del nostro lavoro o che sia un altro lavoro…. in realtà credo che dobbiamo inizierà veramente a pensare che tutto questo sia ormai parte integrante del nostro lavoro. Un post davvero chiaro e dettagliato. Grazie

    • Fabrizio Diluca

      Grazie a te Francesca 🙂

    • Francesca ha centrato il punto: fare inbound oggi non è un lavoro che differisce da quello di un libero professionista, ma piuttosto deve essere parte integrante! Concordo con Fabrizio su tutto, aggiungo poi l’importanza dei canali social, come canali fondamentali per portare traffico al nostro sito web/blog.

      Dobbiamo curare il personal branding sfruttando le strategie di Inbound Marketing, i risultati arrivano senza poi tanti sforzi, a parte quelli iniziali 🙂

  4. Vero ci vuole del tempo e bisogna imparare cose nuove ma i risultati alla fine arrivano e ti ripagano degli sforzi fatti. I contenuti per un professionista possono fare la differenza.

  5. Fortunatamente c’è anche qualcuno che ti fa capire le cose… grazie Fabrizio.

  6. Chiaro ed efficace. Grazie

  7. Grazie per il contributo Agnese 🙂

  1. Pingback: agnese fas

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Show Buttons
Hide Buttons

Prima di uscire... hai scaricato l'EBook GRATUITO?

Ebook OMAGGIO: "Diventa un Leader della Vendita"

In mercati così fortemente competitivi come quelli attuali, è impensabile credere di poter ottenere ottimi risultati commerciali senza avere il giusto atteggiamento mentale, una buona metodologia e la conoscenza delle più efficaci tecniche di vendita, ovvero complessivamente, un efficace Sistema Professionale di Vendita.

Registrandoti confermi di accettare l'informativa sulla privacy

Prima di uscire... hai scaricato l'EBook GRATUITO?

Ebook OMAGGIO: "Diventa un Leader della Vendita"

In mercati così fortemente competitivi come quelli attuali, è impensabile credere di poter ottenere ottimi risultati commerciali senza avere il giusto atteggiamento mentale, una buona metodologia e la conoscenza delle più efficaci tecniche di vendita, ovvero complessivamente, un efficace Sistema Professionale di Vendita.

Registrandoti confermi di accettare l'informativa sulla privacy