marketing online

4 motivi per i quali il tuo Marketing Online non produce risultati

Il web marketing, il marketing online, è indubbiamente un settore in veloce e continua evoluzione. Nuove piattaforme, nuove applicazioni e nuovi strumenti anche per l’Inbound Marketing ed il Content Marketing vengono resi disponibili ormai quotidianamente.

Eppure, mentre il marketing online dovrebbe essere già un must per Professionisti e Imprenditori, pochissimi sono quelli che stanno facendo un ottimo lavoro e che stanno ottenendo risultati grazie alle loro attività di web marketing.

Sei tra questi? Non stai ottenendo (o stai ottenendo scarsi) risultati dal tuo marketing online?

Se così è, molto probabilmente, non stai facendo quanto sarebbe realmente necessario o, ancor peggio, stai facendo cose sbagliate o spendendo tempo e/o denaro inutilmente.

Detto ciò, non prendertela… cerchiamo di porre rimedio insieme… analizzando i 4 motivi per i quali molto spesso il web marketing non produce i risultati attesi.

Ti ricordo o, se non mi conosci, ti premetto… che io non parlo da specialista del settore ma da imprenditore, cioè da colui che, se mette soldi (nel marketing online o in altro), vuole ottenere risultati. Non mi interessano quindi le pippe mentali sui social media, le minchiate sulla necessità di avere tanti like o i tecnicismi… per me contano solo i risultati. Il massimo dei risultati con il minor investimento possibile. Chiaro?

Chiarito questo elemento, veniamo ai probabili quattro principali problemi del tuo marketing online e cerchiamo di capire come risolverli per poter ottenere, finalmente, dei risultati dal tuo impegno e dalle tue attività di web marketing

 

  1. Il tuo sito/blog non è correttamente ottimizzato

La Search Engine Optimization (SEO) è spesso un affare complicato. Può darsi che tu stia pensando che hai fatto (o che chi ha realizzato il tuo sito/blog abbia fatto…) il massimo in tal senso ma sarei pronto a scommettere che se il tuo marketing online non produce risultati, così non è.

Ecco alcuni elementi da valutare:

  • Scegli le giuste parole chiave. Quotidianamente mi imbatto in Professionisti e Piccole Imprese che hanno usato parole chiave brevi, parole chiave generiche ritrovandosi immersi in un mare di concorrenza. Devi puntare su keywords più lunghe, più specifiche e dettagliate per emergere.
    Ti faccio un esempio… se io scrivessi un articolo puntando sulla parola chiave “web marketing” avrei ben poche possibilità di emergere e, anche se accadesse, potrei intercettare un “pubblico” che non è di mio interesse. Se invece vado a dettagliare “cercando” il mio target e puntando quindi su “web marketing per professionisti e piccole imprese” avrei indubbiamente maggiori possibilità di essere premiato da Google e anche di entrare in contatto con il mio target di riferimento 😉  Ci sei?
  • Pensa alle parole chiave nel modo più appropriato per il tuo business e per il tuo target. Una parola chiave non è solo una parola… è una domanda. Quando un tuo potenziale cliente va su Google e digita una parola chiave, sta cercando informazioni. Sta quindi facendo una domanda, anche se non la formula come tale.
  • Una volta che hai definito la giusta parola chiave non basta inserirla nel tuo contenuto. Per ottenere risultati devi, come minimo, farne uso nella meta descrizione, nei tag di testo e di immagine e inserirla nei titoli.
  • Non esagerare con le parole chiave. Come detto hai bisogno di usarle ma il contesto in cui si utilizzano è importante quanto ed a volte più della quantità.

Il tuo sito/blog ed ogni singola pagina o contenuto sono ottimizzati secondo queste prerogative?

  1. Non analizzi i risultati

E’ certamente vero che molti Professionisti e un sacco di Micro e Piccole Imprese hanno ormai messo on line un sito web o un blog e una pagina facebook ma pochi sono quelli che si preoccupano di verificare e misurare i risultati dei loro sforzi nel marketing online.

Se sei tra questi, non ci sono scuse. Non esiste alcun motivo plausibile per non dedicare la giusta attenzione a questi dati.

Il problema è che probabilmente non lo fai perché non hai risultati, ma più eviti di farlo… meno risultati otterrai.

Strumenti come Google Analytics forniscono informazioni dettagliate che ti mostrano ad esempio come le persone arrivano al tuo sito, sia che si tratti di un clic su un annuncio o su una tua newsletter, sia che ti abbiano raggiunto attraverso facebook o tramite una ricerca organica su Google. Anche facebook ti fornisce importanti informazioni sui visitatori/follower della tua pagina.

Questo il minimo sindacale per valutare i tuoi risultati:

  • Guarda i tuoi dati di Google Analytics. Devi aver chiaro quali pagine stanno attirando la maggior parte del traffico e quali invece provocano l’abbandono del tuo sito/blog.
  • Rivedi i dati e la tua fan page su Facebook. Devi sapere quali sono i contenuti che ottengono il maggior numero di like, di condivisioni ma soprattutto quali portano traffico al tuo sito/blog!
  • Controlla i tassi di apertura e i tassi di risposta e/o conversione delle tue iniziative di e-mail marketing. Devi determinare accuratamente quanto riesci effettivamente a coinvolgere i tuoi (potenziali) clienti.

Conoscere i propri numeri è sempre fondamentale nel business. Lo è anche nel marketing online. Del resto, se non misuri nulla, come fai a sapere cosa devi migliorare?

  1. Non stai ottimizzando le tue pagine web sulla base dei dati

Come hai ormai intuito, monitorare i dati di Google Analytics e di altre fonti è importante, ma non ti aiuterà a ottenere risultati nel tuo marketing online meno se non fai qualcosa in base ai dati che analizzi.

Quando disponi di informazioni specifiche su come i tuoi potenziali clienti stanno arrivando al tuo sito web/blog, su come lo abbandonano e su come vengono coinvolti dal tuo e-mail marketing o dai post sui vari social che utilizzi, puoi utilizzarle per migliorare tutta la tua strategia di marketing e le tue eventuali campagne di web marketing.

Anche qui alcuni suggerimenti:

  • Se una pagina del tuo sito web ha un alto tasso di abbandono, fai qualche test A/B per capire quale problema sta riscontrando il tuo cliente e come risolverlo. Assicurati di testare un solo elemento alla volta. Per esempio, se pensi che il problema sia la call to action, fai un test per vedere cosa accade se cambi solo e anzitutto tale elemento.
  • Ridefinisci la tua strategia sui social media per aumentare il coinvolgimento dei tuoi clienti. Se noti ad esempio che le immagini ti garantiscono sempre un tasso di coinvolgimento molto più elevato rispetto ai post scritti, aumenta il numero di post contenenti immagini o aiuta i tuoi testi con immagini adeguate. Lo stesso vale se noti che il coinvolgimento è maggiore in determinati giorni o orari. Ricorda sempre e comunque che l’obiettivo è portare traffico al tuo sito/blog più che ottenere like e condivisioni… Ti ricordo che io parlo sempre da imprenditore e che a fronte di soldi o di impegno tu devi ottenere contatti e vendite. I like ed i commenti devono produrre fatturato. Chiaro?
  • Lavora sull’oggetto delle tue mail e migliora il tuo copy. Devi avere tassi di apertura e di risposta/conversione soddisfacenti.
  1. Non stai creando contenuti e/o non sono interessanti

Agli albori di Internet, Bill Gates ebbe a dire: “The Contenti s King“. La sua dichiarazione fu di straordinaria preveggenza.

Oggi, la creazione di contenuti e in-formazioni può essere il cuore di qualsiasi strategia di marketing online di successo e purtroppo ancora troppi Professionisti e la quasi totalità delle Micro e Piccole Imprese si muovono in modo inadeguato su questo fondamentale aspetto del web marketing. I contenuti sono ad esempio la base essenziale di qualsiasi strategia di Inbound Marketing.

Puoi quindi ottenere rilevanti vantaggi competitivi con:

  • L’apertura di un Blog. I post di un blog sono ottimo modo per coinvolgere i tuoi (potenziali) clienti con regolarità. Ogni post di un blog deve offrire qualcosa di valore per i tuoi potenziali clienti. Può essere una spiegazione accurata, consigli pratici su un argomento rilevante per il tuo settore o per il tuo target di riferimento, …
  • L’impostazione di un programma di pubblicazione per i tuoi social media. Non tutti i contenuti che condividi devono per forza essere originali. La cosa importante è che siano almeno:
    • Rilevanti per il tuo settore
    • Mostrino competenza e/o esperienza specifica
    • Utili per i tuoi clienti
    • Ove possibile, curiosi o divertenti
  • La creazione di Video. I video quando ben realizzati, interessanti, utili e/o istruttivi, essendo facilmente fruibili, risultano sempre particolarmente apprezzati.

Tieni presente che Facebook ha un’opzione di programmazione automatica dei post e che è anche possibile utilizzare strumenti online per gestire e programmare tutte le tue attività di pubblicazione sui vari social.

Questi quattro errori ti sono familiari? Temo purtroppo che se hai letto questo post sino a questo punto lo siamo…

La buona notizia è che probabilmente ora hai le idee più chiare e sei quindi nella posizione ideale per rilanciare il tuo marketing online ed ottenere i risultati che desideri.

Se vuoi approfondire ulteriormente, clicca qui >>

Fabrizio Diluca

Fabrizio Diluca Linkedin  Fabrizio Diluca Twitter  facebook-fabrizio-diluca

 

Condividi su

2 commenti

  1. Francesco Ippoliti

    Da libero professionista e da consulente (sicurezza) che segue molti studi professionali e piccole imprese (quelli che dicono che il internet non serve a niente per intenderci…) non posso che concordare al 100% con questo articolo.
    Un’analisi lucida ed efficace (senza inutile fuffa) sulla situazione del marketing on line della stragrande maggioranza di questi attori… mentre quei pochi che sanno cosa fare e lo fanno bene acquisiscono con continuità nuovi contatti e clienti.

    C’è ancora tanto da fare… Ottimo articolo Fabrizio.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Show Buttons
Hide Buttons

Prima di uscire... hai scaricato l'EBook GRATUITO?

Ebook OMAGGIO: "Diventa un Leader della Vendita"

In mercati così fortemente competitivi come quelli attuali, è impensabile credere di poter ottenere ottimi risultati commerciali senza avere il giusto atteggiamento mentale, una buona metodologia e la conoscenza delle più efficaci tecniche di vendita, ovvero complessivamente, un efficace Sistema Professionale di Vendita.

Registrandoti confermi di accettare l'informativa sulla privacy

Prima di uscire... hai scaricato l'EBook GRATUITO?

Ebook OMAGGIO: "Diventa un Leader della Vendita"

In mercati così fortemente competitivi come quelli attuali, è impensabile credere di poter ottenere ottimi risultati commerciali senza avere il giusto atteggiamento mentale, una buona metodologia e la conoscenza delle più efficaci tecniche di vendita, ovvero complessivamente, un efficace Sistema Professionale di Vendita.

Registrandoti confermi di accettare l'informativa sulla privacy